Quotazioni dell’oro dal 12 al 16 novembre

Quotazioni Add comments

Le quotazioni dell’oro, in dollari/oncia, sono state in lenta discesa per tutta la scorsa settimana mentre il prezzo in euro non ha avuto grosse oscillazioni per via del dollaro.


In questo momento le indicazioni sono contraddittorie, vediamole.
A favore di un aumento ci sono: l’elezione di Obama, il che vuol dire che la FED continuerà con la sua politica monetaria espansiva; la Grecia, che ha si votato nuove misure di austerità, ma è sempre sul filo del default; il «fiscal cliff» americano all’orizzonte; i continui acquisti da parte della banca centrale cinese.
A sfavore: per la prima volta, dal 2003, un calo (8%) degli acquisti dei cinesi; il continuo calo della richiesta di gioielleria (-2%); un calo globale degli investimenti (-11% nel terzo trimestre).
Comunque ad Hong Kong, dove si è svolta l’annuale riunione della LBMA (London Bullion Market Association), la previsione emersa parla di oro oltre i 1800 $/oz per il 2013. Ricordiamoci però che nella riunione dello scorso anno dicevano che nel 2012 si sarebbero superati i 2000 $/oz, cosa che è stata ben lontana dall’essere, quindi aspettiamo e vediamo.
La quotazione massima dell’oro in dollari/oz è stata di 1739,00 lunedì 12 e la minima di 1707,37 venerdì 16; il dollaro è stato scambiato a 1,2664 martedì 13 e a 1,2800 giovedì 15.

Lascia un commento

by TriplaW
Entries RSS Comments RSS Accedi



La "8853 S.p.A." ha basato questi articoli su informazioni ottenute da varie fonti che crede certe, ma che non ha indipendentemente verificato. La "8853 S.p.A." non accetta responsabilita' relative alla loro esattezza e non puo' essere giudicata responsabile per le conseguenze che potrebbero derivarne per qualsiasi opinione o dichiarazione contenuta o per qualsiasi omissione; non ammette altresi' responsabilita' se ne derivi perdita o danno indiretto per un profitto perso che potrebbe risultare dall'esistenza e dall'uso delle informazioni fornite all'interno di questi articoli.
La "8853 S.p.A." non si assume inoltre alcuna responsabilita' per i collegamenti ad altri siti attraverso i links presenti negli articoli perche' non e' in grado di controllarne costantemente l'affidabilita'.