Quotazione dell’oro dal 6 al 10 novembre

Quotazioni Add comments

Dopo l’altalena di quotazioni del 2 e 3 novembre, l’oro sembrava aver ripreso fiato, almeno fino a venerdì. E’ certamente un mercato instabile, però il metallo non ha infranto il supporto indicato a 1262 $/oz e questa sembra una buona base dalla quale ripartire.

Anche se, essendo l’oro il bene rifugio per eccellenza, in questo momento non ci sono le condizioni che possano spingere i mercati ad investire nel metallo giallo: fortunatamente le tensioni 6.11.17internazionali sembrano sopite mentre i dati economici americani paiono tutto sommato positivi (a ottobre è sceso il tasso di disoccupazione, anche se non sono aumentati i salari nella misura sperata).
Per i privati invece, essendo il discorso oro inquadrabile in una prospettiva a lungo termine, rimane sempre un ottimo investimento l’acquisto di un lingotto.
L’ultimo rapporto del World Gold Council ci dice che la vendita di oro, nel terzo trimestre di quest’anno, è scesa ai minimi dal 2009. Sono diminuiti sia gli investimenti che l’impiego in gioielleria, solo le banche centrali stanno acquistando: +25% per un totale di 111 tonnellate.
La quotazione minima dell’oro in dollari/oz è stata di 1268,50 lunedì 06 e la massima di 1295,35 giovedì 09; il dollaro è stato scambiato a 1,1557 martedì 07 e a 1,1675 venerdì 10.

Lascia un commento

by TriplaW
Entries RSS Comments RSS Accedi



La "8853 S.p.A." ha basato questi articoli su informazioni ottenute da varie fonti che crede certe, ma che non ha indipendentemente verificato. La "8853 S.p.A." non accetta responsabilita' relative alla loro esattezza e non puo' essere giudicata responsabile per le conseguenze che potrebbero derivarne per qualsiasi opinione o dichiarazione contenuta o per qualsiasi omissione; non ammette altresi' responsabilita' se ne derivi perdita o danno indiretto per un profitto perso che potrebbe risultare dall'esistenza e dall'uso delle informazioni fornite all'interno di questi articoli.
La "8853 S.p.A." non si assume inoltre alcuna responsabilita' per i collegamenti ad altri siti attraverso i links presenti negli articoli perche' non e' in grado di controllarne costantemente l'affidabilita'.