Quotazione dell’oro dal 6 al 10 marzo

Quotazioni Add comments

Dopo aver toccato a fine febbraio la massima quotazione dallo scorso anno (1263 $/oz), l’oro ha iniziato una decisa discesa che lo ha portato oggi a 1209 $/oz.

Questo in vista, domani e mercoledì, della tanto attesa riunione della FED che dovrebbe decidere per l’aumento dei tassi d’interesse.
6.3.17L’unica incertezza poteva ancora essere dovuta alla pubblicazione dei dati sul mercato del lavoro attesi per venerdì scorso, ma la disoccupazione a febbraio è scesa al 4,7% (si sono creati 235mila posti di lavoro contro i 297mila pronosticati), dunque, probabilmente, via libera all’aumento.
Dopo due anni di Quantitative Easing, la BCE pare intenzionata a ridurre progressivamente l’acquisto di titoli di stato: da aprile la spesa mensile sarà di 60miliardi di euro contro gli 80 attuali, almeno fino a fine 2017, poi si vedrà. Sempre durante la riunione del Consiglio dei Governatori, tenutasi a Francoforte giovedì scorso, è stata presa la decisione di lasciare inalterati i tassi d’interesse (anche se voci di corridoio parlano di un possibile aumento nel 2018). Draghi si è mostrato moderatamente ottimista sulla ripresa.
La quotazione massima dell’oro in dollari/oz è stata di 1236,86 lunedì 06 e la minima di 1195,68 venerdì 10; il dollaro è stato scambiato a 1,0530 giovedì 09 e a 1,0694 venerdì 10.

 

Lascia un commento

by TriplaW
Entries RSS Comments RSS Accedi



La "8853 S.p.A." ha basato questi articoli su informazioni ottenute da varie fonti che crede certe, ma che non ha indipendentemente verificato. La "8853 S.p.A." non accetta responsabilita' relative alla loro esattezza e non puo' essere giudicata responsabile per le conseguenze che potrebbero derivarne per qualsiasi opinione o dichiarazione contenuta o per qualsiasi omissione; non ammette altresi' responsabilita' se ne derivi perdita o danno indiretto per un profitto perso che potrebbe risultare dall'esistenza e dall'uso delle informazioni fornite all'interno di questi articoli.
La "8853 S.p.A." non si assume inoltre alcuna responsabilita' per i collegamenti ad altri siti attraverso i links presenti negli articoli perche' non e' in grado di controllarne costantemente l'affidabilita'.