Quotazione dell’oro dal 4 all’8 luglio

Quotazioni Add comments

Dopo qualche giorno di apparente calma l’oro è tornato a salire guadagnando quasi un 4% in questi primi giorni di luglio (avevamo chiuso a 1321 $/oz il 30/6) e sfiorando un aumento del 30% dall’inizio dell’anno.

Era dai primi mesi del 2014 che non si vedevano queste quotazioni.
4.7.16D’altra parte con i rendimenti scesi drasticamente (quelli delle obbligazioni del Tesoro americano sono i più bassi da 50 anni a questa parte mentre quelli del governo tedesco hanno toccato i minimi storici) e l’incertezza sugli sviluppi politici/economici, la corsa al “bene rifugio” era inevitabile.
Solo qualche giorno fa il supporto era dato a 1336 $/oz e la resistenza posta a 1358 $/oz., ma la corsa del metallo ha travolto tutto (oggi abbiamo aperto a 1359 $/oz).
E se l’oro ha guadagnato nel dopo Brexit il 27%, l’argento lo ha surclassato mettendo a segno addirittura un + 47%! In gran parte sono manovre speculative, ma tutti i metalli non ferrosi, dal rame al nickel, dall’alluminio allo stagno, hanno guadagnato sui mercati.
La quotazione massima dell’oro in dollari/oz è stata di 1374,54 mercoledì 06 e la minima di 1341,00 venerdì 08; il dollaro è stato scambiato a 1,1165 martedì 05 e a 1,1013 venerdì 08.

Lascia un commento

by TriplaW
Entries RSS Comments RSS Accedi



La "8853 S.p.A." ha basato questi articoli su informazioni ottenute da varie fonti che crede certe, ma che non ha indipendentemente verificato. La "8853 S.p.A." non accetta responsabilita' relative alla loro esattezza e non puo' essere giudicata responsabile per le conseguenze che potrebbero derivarne per qualsiasi opinione o dichiarazione contenuta o per qualsiasi omissione; non ammette altresi' responsabilita' se ne derivi perdita o danno indiretto per un profitto perso che potrebbe risultare dall'esistenza e dall'uso delle informazioni fornite all'interno di questi articoli.
La "8853 S.p.A." non si assume inoltre alcuna responsabilita' per i collegamenti ad altri siti attraverso i links presenti negli articoli perche' non e' in grado di controllarne costantemente l'affidabilita'.