Quotazione dell’oro dal 4 all’8 febbraio

Quotazioni Add comments

L’oro ha fatto registrare nel mese di gennaio una performance del + 3,5%. Verso fine settimana aveva perso un po’ di smalto, ma si è ripreso subito. Stamani apriamo a 1311,10 $/oz.

Il contesto macroeconomico spinge sempre di più verso approdi sicuri, si spiega così il rialzo delle quotazioni dell’oro in questo inizio di 2019.
Anche l’argento ha rotto la trendline ribassista e se analizziamo la Gold/Silver Ratio questa ci dice che sarebbe il momento di acquistare argento. Naturalmente parliamo dei grandi numeri, per i privati infatti incide negativamente l’applicazione dell’Iva.
Ah, naturalmente se invece volete seguire le mode, il bene rifugio per eccellenza in questo momento sembrano essere …i mattoncini del Lego (+12%)! Se poi dovesse registrarsi un crollo delle sue quotazioni potrete sempre divertirvi a fare costruzioni!
Per non sovrapporsi a festività religiose, quest’anno OroArezzo anticipa e cambia data: si terrà dal 6 al 9 aprile. Si tratterà della sua 40esima edizione ed il tema principale sarà l’anello.
La quotazione massima dell’oro in dollari/oz è stata di 1316,22 martedì 05 e la minima di 1303,83 giovedì 07; il dollaro è stato scambiato a 1,1452 lunedì 04 e a 1,132 venerdì 08.

Lascia un commento

by TriplaW
Entries RSS Comments RSS Accedi



La "8853 S.p.A." ha basato questi articoli su informazioni ottenute da varie fonti che crede certe, ma che non ha indipendentemente verificato. La "8853 S.p.A." non accetta responsabilita' relative alla loro esattezza e non puo' essere giudicata responsabile per le conseguenze che potrebbero derivarne per qualsiasi opinione o dichiarazione contenuta o per qualsiasi omissione; non ammette altresi' responsabilita' se ne derivi perdita o danno indiretto per un profitto perso che potrebbe risultare dall'esistenza e dall'uso delle informazioni fornite all'interno di questi articoli.
La "8853 S.p.A." non si assume inoltre alcuna responsabilita' per i collegamenti ad altri siti attraverso i links presenti negli articoli perche' non e' in grado di controllarne costantemente l'affidabilita'.