Quotazione dell’oro dal 27 al 30 aprile

Quotazioni Add comments

La riunione della Fed di mercoledì scorso non ha portato nessuna novità sull’annosa questione dei tassi. Ma i dati indicano che l’economia americana è cresciuta solo dello 0,2%, livello inferiore alle previsioni ed alle aspettative, la qual cosa ha determinato un calo del dollaro rispetto all’euro tornato sopra quota 1,10.

grafico 270415Poi, proprio al termine della settimana, anche i dollari oncia sono tornati sotto quota 1200, quota che avevano recuperato abbondantemente proprio nei primi giorni della settimana e così l’oro in euro è sceso al di sotto dei 35 euro.
Come supporto vengono indicati ora i 1180 $/oz e come resistenza i 1215 $/oz.
Sale in Cina la domanda di oro: nei primi tre mesi di quest’anno le vendite sono aumentate quasi del 15% rispetto allo stesso periodo del 2014. Secondo alcuni dati («China Gold Association»), perché secondo altri («GMFS») la domanda, tra gennaio e marzo, sarebbe diminuita del 9%. Tanto da porre diversi interrogativi agli analisti su quali dati vengano presi in considerazione, come vengano elaborati e quindi divulgati dalle autorità: la «Cortina di bambù» è sempre in funzione!
La quotazione massima dell’oro in dollari/oz è stata di 1214,81 martedì 28 e la minima di 1179,15 giovedì 30; il dollaro è stato scambiato a 1,0825 mercoledì 27 e a 1,1257 giovedì 30.

Lascia un commento

by TriplaW
Entries RSS Comments RSS Accedi



La "8853 S.p.A." ha basato questi articoli su informazioni ottenute da varie fonti che crede certe, ma che non ha indipendentemente verificato. La "8853 S.p.A." non accetta responsabilita' relative alla loro esattezza e non puo' essere giudicata responsabile per le conseguenze che potrebbero derivarne per qualsiasi opinione o dichiarazione contenuta o per qualsiasi omissione; non ammette altresi' responsabilita' se ne derivi perdita o danno indiretto per un profitto perso che potrebbe risultare dall'esistenza e dall'uso delle informazioni fornite all'interno di questi articoli.
La "8853 S.p.A." non si assume inoltre alcuna responsabilita' per i collegamenti ad altri siti attraverso i links presenti negli articoli perche' non e' in grado di controllarne costantemente l'affidabilita'.