Quotazione dell’oro dal 17 al 21 ottobre

Quotazioni Add comments

Le previsioni degli esperti, per quanto riguarda il prossimo andamento delle quotazioni dell’oro, sembrano sempre più allinearsi: calo del metallo sotto i 1200 $/oz, in concomitanza con l’aumento dei tassi americani, e poi l’oro toccherà nuovamente i 1350 $/oz.

Gli ultimi dati economici USA mostrano si una crescita, ma molto lenta, al di sotto delle aspettative, e la FED ha fatto trapelare allora che gli aumenti, quando ci saranno, saranno molto graduali. Così il dollaro ad inizio di settimana ha perso posizioni e l’oro è tornato ai valori di inizio mese. Anche se poi il trend del dollaro si è invertito grazie soprattutto agli stimoli della BCE e della Bank of Japan.
unnamedOra però tutti gli occhi sono puntati su Londra: la sterlina ad inizio mese ha subito un flash-crash che le ha fatto perdere più del 6% in due minuti facendole toccare il minimo contro dollaro dall’85! Poi ha recuperato, ma gli effetti della Brexit iniziano a farsi sentire.
Tornando all’oro, si segnala comunque un aumento della richiesta di fisico in Asia e questo ha contribuito a sostenere il prezzo del metallo giallo.
La quotazione minima dell’oro in dollari/oz è stata di 1251,31 lunedì 17 e la massima di 1273,70 giovedì 20; il dollaro è stato scambiato a 1,1024 giovedì 20 e a 1,0862 venerdì 21.

Lascia un commento

by TriplaW
Entries RSS Comments RSS Accedi



La "8853 S.p.A." ha basato questi articoli su informazioni ottenute da varie fonti che crede certe, ma che non ha indipendentemente verificato. La "8853 S.p.A." non accetta responsabilita' relative alla loro esattezza e non puo' essere giudicata responsabile per le conseguenze che potrebbero derivarne per qualsiasi opinione o dichiarazione contenuta o per qualsiasi omissione; non ammette altresi' responsabilita' se ne derivi perdita o danno indiretto per un profitto perso che potrebbe risultare dall'esistenza e dall'uso delle informazioni fornite all'interno di questi articoli.
La "8853 S.p.A." non si assume inoltre alcuna responsabilita' per i collegamenti ad altri siti attraverso i links presenti negli articoli perche' non e' in grado di controllarne costantemente l'affidabilita'.