Quotazione dell’oro da l’8 al 12 ottobre

Quotazioni Add comments

Fino a giovedì scorso ci trovavamo a dire le solite cose dette da mesi a questa parte: l’oro ha provato per un attimo a rompere la resistenza e andare oltre i 1200 $/oz, ma subito è tornato sotto questa asticella (scendendo anzi fin sotto i 1185 $/oz. lunedì scorso).

E avremmo anche aggiunto: probabilmente le quotazioni del metallo resteranno su questi livelli fino a quando l’economia americana continuerà a marciare ai ritmi attuali facendo perdere quindi all’oro la sua classica funzione di bene rifugio.
Ma giovedì appunto ecco tutte le borse mondiali perdere (Dow Jones -3,10%, Nasdaq -4,08% tanto per fare qualche esempio) e abbiamo visto il prezzo dell’oro balzare subito in su. Stamani apriamo a 1225 $/oz.
Negli USA  c’è maretta tra Trump e la Fed: il rialzo dei tassi ha favorito i Buoni del Tesoro che ora rendono il 3,21%, a scapito di tante azioni quotate a Wall Street. Entro dicembre è previsto un ulteriore aumento e il presidente si lamenta perché la Fed, a parer suo, sta correndo troppo.
La quotazione minima dell’oro in dollari/oz è stata di 1184,54 lunedì 08 e la massima di 1225,50 giovedì 11; il dollaro è stato scambiato a 1,1435  martedì 09 e a 1,1605 venerdì 12.

Lascia un commento

by TriplaW
Entries RSS Comments RSS Accedi



La "8853 S.p.A." ha basato questi articoli su informazioni ottenute da varie fonti che crede certe, ma che non ha indipendentemente verificato. La "8853 S.p.A." non accetta responsabilita' relative alla loro esattezza e non puo' essere giudicata responsabile per le conseguenze che potrebbero derivarne per qualsiasi opinione o dichiarazione contenuta o per qualsiasi omissione; non ammette altresi' responsabilita' se ne derivi perdita o danno indiretto per un profitto perso che potrebbe risultare dall'esistenza e dall'uso delle informazioni fornite all'interno di questi articoli.
La "8853 S.p.A." non si assume inoltre alcuna responsabilita' per i collegamenti ad altri siti attraverso i links presenti negli articoli perche' non e' in grado di controllarne costantemente l'affidabilita'.