L’anno che sarà

Quotazioni Add comments

Nuovo anno, nuovi propositi: ma il 2010 cosa ci ha lasciato?
Le quotazioni dei metalli preziosi hanno conosciuto aumenti tali da toccare veri e propri record, uno per tutti: l’oro a +27%.


Il motivo di questa “corsa all’oro” purtroppo lo conosciamo tutti: la crisi che ha colpito l’economia a livello mondiale e dalla quale stiamo provando con grande fatica a risollevarci. Questa situazione d’instabilità ha spinto gli investitori istituzionali, ma anche i privati, a puntare sui metalli preziosi: solo nell’ultimo trimestre l’incremento della domanda di oro è stata del 12%.
Qualcosa però si è mosso, per quanto riguarda l’Italia i dati ci dicono che l’esportazione di gioielleria ha toccato un + 26,7% rispetto al 2009, la fanno da padrone Arezzo (+33,8%) e Vicenza (+26,6%) che da soli coprono i tre quinti dell’export orafo nazionale, seguiti da Valenza (+12,1%) e da Milano (+11,20).

Ed ecco propositi e previsioni per il 2011.
Le condizioni dell’economia mondiale, rischio inflazione e crisi dei debiti sovrani, sono tali da far prevedere un nuovo aumento dell’oro, si parla di 1600 $ per oncia.
Un sito americano si è “divertito” a segnalare 122 analisti che hanno pronosticato l’oro sopra i 2500$, alcuni di questi prevedono addirittura l’ascesa del metallo giallo fino all’astronomica cifra di 10.000 $/oz !!! Si è arrivati ad ipotizzare, infatti che gli USA potrebbero essere declassati e perdere il rating di tripla A. Niente allarmismi: anche se, per questioni squisitamente politiche, è estremamente difficile, se non impossibile, che ciò possa accadere.
Per quanto riguarda l’argento le previsioni lo vedono raggiungere i 40 $/oz, spinto dalla grande richiesta per uso industriale da parte della Cina (si parla di 4,5 miliardi di dollari contro l’1,1 investiti nel 2010).
Anche per platino e palladio sono previsti aumenti grazie all’annunciata ripresa dell’industria automobilistica: platino sopra i 2000 $/oz e palladio sopra i 1000 $/oz.

Rialzo per tutti dunque. Unico ostacolo? La caduta del dollaro che potrebbe frenare la corsa dei prezzi in euro.
Ma, come sempre, chi vivrà vedrà!!!!

Lascia un commento

by TriplaW
Entries RSS Comments RSS Accedi



La "8853 S.p.A." ha basato questi articoli su informazioni ottenute da varie fonti che crede certe, ma che non ha indipendentemente verificato. La "8853 S.p.A." non accetta responsabilita' relative alla loro esattezza e non puo' essere giudicata responsabile per le conseguenze che potrebbero derivarne per qualsiasi opinione o dichiarazione contenuta o per qualsiasi omissione; non ammette altresi' responsabilita' se ne derivi perdita o danno indiretto per un profitto perso che potrebbe risultare dall'esistenza e dall'uso delle informazioni fornite all'interno di questi articoli.
La "8853 S.p.A." non si assume inoltre alcuna responsabilita' per i collegamenti ad altri siti attraverso i links presenti negli articoli perche' non e' in grado di controllarne costantemente l'affidabilita'.