Il «Bail-in»

Eventi Add comments

Ci siamo: l’ennesima rapina ai danni del cittadino si sta concretizzando.
Parliamo del «Bail-in» che dovrà entrare in vigore dal gennaio 2016 secondo una direttiva dell’Unione Europea. Approvato dal Senato il mese scorso è ora all’esame della Camera.
Ma cosa nasconde questo termine? E’ presto detto: in caso di fallimento di una banca i soldi necessari al suo salvataggio verranno prelevati ai correntisti, in pratica un prelievo forzoso sui soldi depositati in quella banca.

Fino ad oggi era in vigore il «Bail-out», ovvero in caso di difficoltà finanziarie di un istituto entrava in gioco lo Stato, ma dopo la crisi di Cipro del giugno 2013 qualcuno ha pensato bene di mettere direttamente le mani nelle tasche dei cittadini.
C’è già un precedente: vi ricordate il prelievo forzoso del luglio del 1992? Il ministro del Tesoro Amato parlò allora di «un contributo che chiediamo alla gente che deve mettere una mano sul cuore e una sul portafogli» e così, una notte, ci venne sottratto il 6 per mille dai conti.
Il Governatore Visco per lo meno è stato chiaro: «Gli investitori devono essere consapevoli dei rischi sottostanti il nuovo sistema di gestione delle crisi» perché la clientela «potrebbe dover contribuire alla risoluzione di una banca».
Una domanda sorge spontanea: è giusto che uno debba rispondere di una gestione fallimentare della quale nulla ha saputo e nulla ha potuto?
Ma, nel caso, si avrà almeno la soddisfazione di vedere messi in galera (e la chiave gettata) i responsabili del fallimento della banca?

DSC_0003
Comunque una soluzione ci sarebbe anche: acquistare lingotti d’oro per mettere al sicuro un po’ dei propri soldi, tanto, in caso di bisogno, sono facilmente rivendibili e magari si è anche guadagnato qualcosa.

1 Risultato to “Il «Bail-in»”

  1. Oro e conti correnti | Metalli Preziosi e Leghe Dentali Scrive:

    […] dei correntisti. E dal 1° di gennaio, per tutti i clienti delle banche, entrerà in vigore il «Bail-in», ovvero tutti i correntisti potranno essere coinvolti nel salvataggio di una banca. E’ vero che […]

Lascia un commento

by TriplaW
Entries RSS Comments RSS Accedi



La "8853 S.p.A." ha basato questi articoli su informazioni ottenute da varie fonti che crede certe, ma che non ha indipendentemente verificato. La "8853 S.p.A." non accetta responsabilita' relative alla loro esattezza e non puo' essere giudicata responsabile per le conseguenze che potrebbero derivarne per qualsiasi opinione o dichiarazione contenuta o per qualsiasi omissione; non ammette altresi' responsabilita' se ne derivi perdita o danno indiretto per un profitto perso che potrebbe risultare dall'esistenza e dall'uso delle informazioni fornite all'interno di questi articoli.
La "8853 S.p.A." non si assume inoltre alcuna responsabilita' per i collegamenti ad altri siti attraverso i links presenti negli articoli perche' non e' in grado di controllarne costantemente l'affidabilita'.