I vincitori del Trofeo Lacoste

Eventi Add comments

Si è concluso dopo dieci combattutissime gare il «Trofeo Lacoste» edizione 2014.
Era iniziato lo scorso 26 aprile al «Riviera Golf» di San Giovanni Marignano (Rimini) e la tappa finale sì è disputata, dal 9 all’11 ottobre, presso il «San Domenico Golf» di Fasano (Brindisi).

DSC_0144DSC_0114

 

 

 

 

 

 

 Possiamo dunque comunicare i risultati di questa stagione:
– Prima Categoria
1° NETTO: FRASSONI MATTEO – ROSCIOLI ROBERTO, COLPI 131
1° LORDO: SILVA FEDERICO – PAVESIO GIOVANNI, COLPI 140
2° NETTO: COLOMBO STEFANO – GRASSO FEDERICO, COLPI 132
2° LORDO: CIARI GUIDO – CEI DAVIDE, COLPI 140
3° NETTO: CAPPAROTTO FEDERICO – POCI MARCO A., COLPI 132
3° LORDO: VALENTI CESARE – D’ONGHIA ANDREA, COLPI 141
– Seconda categoria
1° NETTO: BABBINI ALFREDO – GNETTI FABIO, PUNTI 89
2° NETTO: TONEI CHRISTIAN – SIMONI ARBER, PUNTI 75
3° NETTO: DONA’ PIERLUIGI – GALLO FEDERICO, PUNTI 74

Copia di coccobello

Ancora una volta i vincitori sono stati premiati con i coccodrilli realizzati dalla 8853 S.p.A., premi sempre molto apprezzati per la loro intrinseca bellezza.
Appuntamento allora all’anno prossimo per il 19° «Trofeo Lacoste».

Articoli correlati:
Trofeo Lacoste
Seconda tappa del Trofeo Lacoste

Lascia un commento

by TriplaW
Entries RSS Comments RSS Accedi



La "8853 S.p.A." ha basato questi articoli su informazioni ottenute da varie fonti che crede certe, ma che non ha indipendentemente verificato. La "8853 S.p.A." non accetta responsabilita' relative alla loro esattezza e non puo' essere giudicata responsabile per le conseguenze che potrebbero derivarne per qualsiasi opinione o dichiarazione contenuta o per qualsiasi omissione; non ammette altresi' responsabilita' se ne derivi perdita o danno indiretto per un profitto perso che potrebbe risultare dall'esistenza e dall'uso delle informazioni fornite all'interno di questi articoli.
La "8853 S.p.A." non si assume inoltre alcuna responsabilita' per i collegamenti ad altri siti attraverso i links presenti negli articoli perche' non e' in grado di controllarne costantemente l'affidabilita'.